martedì 5 novembre 2013

Tre modi per avere la propria dose di curcuma senza scontentare il palato

foto Gigi Gentilini
La scienza ufficiale lo certifica: la curcuma ha proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antitumorali e anti-invecchiamento, meritandosi la definizione di “spezia che mantiene giovani”. 
La medicina ayurvedica la usa da millenni per curare cattiva digestione, febbre, infezioni, artrite, dissenteria, problemi di natura epatica. 
Il mio palato però si è sempre rifiutato di assumere questa panacea dal sapore un po' ingrato e terroso. Dopo alcuni tentativi ho elaborato 4 piccoli trucchi :

La strategia delle piccole dosi. Meglio abituare il nostro fisico per gradi a questo gusto cominciando con utilizzare dosi quasi omeopatiche per aumentare gradatamente nel tempo

Alleata dello zafferano. Complice il colore giallo può essere sciolta in un risotto alla milanese, nel sugo di una pasta, per condire delle verdure. L'importante è che la quantità aggiunta sia la metà dello zafferano, in modo che il sapore non prevalga

Affine al curry. In effetti è una delle spezie che compongono il curry. Ed è possibile realizzare un curry potenziato aggiungendo alla ricetta anche una punta di cucchiaino di curcuma

Amica dei cibi acidi. Si mescola bene con i cibi acidi come l'aceto e il succo di limone, così si può aggiungere, con parsimonia, anche alle insalate potenziandone il gusto