giovedì 3 luglio 2014

Ho scoperto che l'olio di lampone ci protegge dal sole, è il Rubus idaeus seed oil

fonte Wikipedia

Non voglio illudervi, non possiamo ancora fare a meno dei filtri solari tradizionali. Ma io non li amo e nella mia ricerca di alternative naturali ho trovato molto promettente l'olio di lampone. In questo caso c'è uno studio scientifico indipendente
che parla addirittura di un fattore di protezione compreso fra 28 e 50.

Non mi sbilancio, io ho letto solo l'abstract dello studio, dove si dice che assorbe sia gli UVB che gli UVC e che potenzialmente potrebbe essere usato come protettivo ad ampio spettro. E so anche che di un estratto vegetale come l'olio non esistono valori universali: i lamponi non sono tutti uguali, chi ha preso più sole, chi più acqua...

Di sicuro è un grande antiossidante, spazzino di radicali liberi e una fonte importante di tocoferoli (vitamina E) e di carotenoidi (vitamina A). Ripara quindi i danni del sole sulle nostre povere cellule. Aiuta in caso di eczema o di lesioni della pelle e ha notevoli proprietà antinfiammatorie, più altri oli già particolarmente efficaci, come quello di avocado, vinacciolo o germe di grano.
Alcuni produttori lo inseriscono nelle creme solari per potenziarne gli effetti, io l'ho comprato puro e lo userò sia insieme al doposole, sia per un olio solare che voglio farmi.
Il profumo è abbastanza leggero, sa di olio con un retroprofumo erbaceo e si assorbe molto velocemente. Dicono di non usarlo puro o nel tempo rischia di creare sensibilizzazioni.