mercoledì 15 marzo 2017

non solo parabeni: gli ingredienti che confondono gli ormoni


Sempre più spesso si sente parlare di sterilità maschile o di squilibri ormonali causati da alcuni ingredienti cosmetici. Quasi tutti conoscono i parabeni, ma non sono gli unici a interferire con il sistema endocrino. Ecco cosa cercare in etichetta
Parabeni sono fra i conservanti i più utilizzati, anche se ora si moltiplicano i prodotti che non li contengono. Li riconosci in etichetta perché finiscono in paraben: es. Propylparaben e Butylparaben, che della famiglia sono i peggiori. Attenti però alle scritte “senza parabeni” sui cosmetici, spesso nascondono conservanti ancora più infidi.


BHA/BHT sono antiossidanti e sono inseriti nei cosmetici per evitare che i grassi contenuti possano irrancidire. La vitamina E andrebbe altrettanto bene a questo scopo, con in più il vantaggio di idratare, lenire e prevenire l'invecchiamento, grazie alla sua azione antiossidante. Evidentemente è troppo cara.

Filtri solari. In questa categoria ci sono gli ingredienti fra i più discutibili e purtroppo non si sa ancora tutto perché sono di recente invenzione. In particolare sono interferenti endocrini: Ethylhexyl methoxycinnamate, Oxybenzone o Benzophenone 3, Avobenzone. Octyl Dimethyl PABA.

Triclosan: un altro conservante, spesso usato nei dentifrici, ha una composizione simile alla diossina.
Ftalati: l’unico ftalato impiegato nei cosmetici venduti in Europa è il Dietilftalato (DEP), aggiunto in piccole quantità ai prodotti, con lo scopo di rendere amaro, e quindi imbevibile, l’alcool etilico. Il problema è quindi soprattutto dei profumi. 

Come mai la legge non ci protegge? Le leggi europee fissano dei limiti alla presenza di questi ingredienti giudicati sicuri. Però gli studi condotti non tengono conto del fatto che queste sostanza sia trovano in molti cosmetici, dal dentifricio, al deodorante, allo shampoo, alla crema, al fondotinta.... così l'esposizione è moltiplicata, anche perché molti prodotti come le creme e i fondotinta rimangono a contatto con la pelle tutto il giorno.
.